IT
Seleziona lingua

Diana Bracco: “Il trasferimento dell’EMA ad Amsterdam è problematico”

Milano, Italia , 15/02/2019

Il Ministro degli Affari e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero, ha confermato il 13 febbraio che il Governo, tramite l'Avvocatura dello Stato, ha presentato un ricorso alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea contro il Regolamento UE 2018/1718 che stabilisce la nuova sede dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) nella città di Amsterdam.

"Bene ha fatto il ministro Moavero a presentare il ricorso presso la Corte di Giustizia Europea, sostenendo quello presentato dal Comune di Milano in cui la Regione era intervenuta 'ad adiuvandum'". Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. “Questo sarà il banco di prova per le istituzioni di Bruxelles per dimostrare che l'Unione è ispirata ai principi di giustizia, all'applicazione del diritto e anche del buon senso. Aspettiamo con fiducia l'esito".

Diana Bracco, che ha rappresentato il mondo delle imprese nella cabina di regia per la candidatura di Milano a sede EMA, ha commentato l’annuncio dicendo che: “È una buona notizia che il Governo Italiano abbia presentato un ulteriore ricorso alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea contro la decisione dell'UE che assegna la nuova sede dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ad Amsterdam. Noi, come sistema privato, denunciamo da sempre le falle di un processo di assegnazione che non ha coinvolto il Parlamento e ha affidato la propria scelta alla sorte”. La rappresentante del mondo delle imprese ha poi proseguito affermando: “Ho letto su Le Monde con grande preoccupazione che lo stesso Direttore dell'EMA Guido Rasi lamenta che il trasloco dell'Agenzia ad Amsterdam si sta rivelando molto complicato. Al punto che l'EMA è stata costretta a ridurre temporaneamente la propria attività; cosa gravissima perché', com’è noto, l'Agenzia si occupa della salute di milioni di cittadini europei. Rasi lancia un vero grido d'allarme, anche per l'emorragia di personale, soprattutto qualificato, a fronte delle incertezze legate alla precarietà della sistemazione nella capitale olandese. Viceversa, come dicevamo fino alla vigilia del sorteggio, oggi di nuovo ribadiamo che Milano offre garanzie immediate per il perfetto svolgimento delle attività dell'EMA".

Diana Bracco e Attilio Fontana