IT
Seleziona lingua

Diana Bracco in occasione delle celebrazioni per i 90 anni di Soroptimist: “Stereotipi e discriminazioni sulle donne fanno pagare al mondo un costo enorme di mancata crescita”

Milano, Italia , 16/11/2018

Stereotipi e discriminazioni sulle donne fanno pagare al mondo un costo enorme di mancata crescita”, ha affermato Diana Bracco in occasione delle celebrazioni per i 90 anni di Soroptimist a Milano.

Diana Bracco, Soroptimista d’eccezione, è intervenuta in occasione della 3 giorni che si è tenuta a Milano per celebrare il novantesimo anniversario del Club milanese dell’associazione internazionale che riunisce donne di elevata qualificazione professionale.

Secondo un recente rapporto dell’Organizzazione per la Cooperazione dello Sviluppo Economico – OECD, nei prossimi otto anni il PIL mondiale potrebbe aumentare più di due punti percentuali se il gap di partecipazione delle donne all’economia si dimezzasse. È dunque dimostrato che stereotipi, pregiudizi e discriminazioni sulle donne fanno pagare al mondo un significativo costo di mancata crescita. Personalmente sono convinta che nessun Paese e nessuna azienda possa permettersi di rinunciare allo straordinario contributo delle donne. Credo infatti che in ambito professionale le donne abbiano qualità vincenti come l’intuito, la tenacia, la disponibilità all’ascolto, la concretezza, la curiosità e la voglia di non smettere mai di imparare. Sul potenziale delle donne si deve quindi investire, impegnandosi nella lotta contro ogni tipo di condizionamento e di discriminazione”.

Diana Bracco ha portato la propria esperienza di Presidente del Gruppo Bracco e della Fondazione omonima: “Noi di Bracco lo facciamo creando un contesto di lavoro in cui le donne si possano esprimere senza dover rinunciare al proprio ruolo nella vita familiare, e sviluppando una politica volta a garantire le pari opportunità nei percorsi professionali. Non solo il Gruppo, ma anche Fondazione Bracco ha fatto della gender question un vero fil rouge della propria attività. Nel 2017, ad esempio, abbiamo lanciato insieme all’Osservatorio di Pavia, all’Associazione GiULiA, e con il sostegno della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea il progetto 100 donne contro gli stereotipi. Un’iniziativa molto bella che ha l’obiettivo, tramite la banca dati online #100esperte e una collana di libri, di proporre ai media personalità femminili – scienziate ed economiste – per contribuire a svecchiare un linguaggio mediatico che trascura costantemente le donne in qualità di portatrici di conoscenze specifiche. Ci auguriamo di portare così una ventata di innovazione in un panorama culturale con troppi pregiudizi sulle donne. È una battaglia che va combattuta perché i pregiudizi sono duri a morire. Ma il primo passo per poterli disattivare è proprio quello di riconoscerli e denunciarli”.

Diana Bracco in occasione delle celebrazioni per i 90 anni di Soroptimist a Milano