IT
Seleziona lingua

Diana Bracco partecipa alla storica udienza Di confindustria in vaticano

Roma, Italia , 01/03/2016

Diana Bracco, vicepresidente di Confindustria per la Ricerca e Innovazione, sabato 27 febbraio era in Vaticano alla prima udienza degli imprenditori e delle loro famiglie con Papa Francesco. In occasione del Giubileo dell’industria, settemila imprenditori, provenienti da tutta Italia, hanno ascoltato le parole del Santo Padre. Durante lo storico incontro voluto dal presidente Giorgio Squinzi, Papa Francesco ha ricordato l’importanza di questo appuntamento, con il quale Confindustria si è riproposta di confermare un impegno, ovvero quello di “contribuire con il suo lavoro a una società più giusta e vicina ai bisogni dell’uomo”.

L’udienza si è aperta con il messaggio del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, insieme a quelli di Emma Marcegaglia, presidente di Eni, e di Federico Ghizzoni, amministratore delegato Unicredit. All’evento era presente anche un gruppo di persone e malate disabili, salutate affettuosamente da Papa Bergoglio al suo arrivo.

Le parole del Papa hanno sottolineato l’importanza di un’impresa “con al centro l’uomo: non quello astratto, ideale, teorico, ma quello concreto, con i suoi sogni, le sue necessità, le speranze, le fatiche”. Gli imprenditori sono dunque chiamati a essere “costruttori del bene comune, artefici di un nuovo  umanesimo del lavoro”, seguendo la via maestra della giustizia “che rifiuta le scorciatoie delle raccomandazioni e dei favoritismi, e le deviazioni pericolose della disonestà e dei facili compromessi. La legge suprema sia in tutto l’attenzione alla dignità dell’altro, valore assoluto e indisponibile. Sia quest’orizzonte di altruismo a contraddistinguere il vostro impegno”.

Diana Bracco si è detta emozionata e commossa per l’incontro con il Santo Padre: “Quello del Papa è stato un forte appello a fare sviluppo senza mai perdere di vista la persona. Una questione che chiama in causa le imprese ma non solo. Il Papa – ha aggiunto Diana Bracco – è stato il padre di tutte le persone riunite nella maestosa Sala Nervi”. Infine, un ringraziamento al presidente Squinzi, che ha reso possibile l’udienza: “Non era mai stato fatto nella centenaria storia di Confindustria. Un’iniziativa che Giorgio Squinzi ha portato avanti con grande successo e col coinvolgimento di tutti. Sono contenta che, avvicinandosi a fine mandato, abbia delle grandi soddisfazioni”.

Diana Bracco e Papa Francesco